Quello che le brave ragazze non dicono

Il re dei passi indietro e la regina che sceglie per non subire

Fatto sta che alla fine Il Giornalista si è rivelato il re dei passi indietro. Ogni singola volta in cui si sbilanciava nei miei confronti giusto quel filo in più del solito, era poi seguita da giorni e giorni di silenzio.

E io, che con queste cose proprio non vado d’accordo, all’ennesima sua sparizione ho risposto con un sonoro “Non ho tempo di correrti dietro, non sei tu che sconvolgi la mia vita!”. Insomma, al Re dei passi indietro ho fatto conoscere la Regina che sceglie per prima, per il terrore di subire le scelte altrui.

Il fatto che lui non abbia mai risposto a quel messaggio, parla decisamente molto chiaro.

Nei giorni scorsi, poi, ho saputo che il mio ex si sposa. Proprio negli stessi giorni in cui io mandavo a quel paese Il Giornalista (che nel frattempo le mie amiche hanno ribattezzato “Il Scritore“). E io sono senza dubbio molto contenta per il mio ex. Lui è una bravissima persona, anche se non era la persona per me. Ed è una brava persona anche la sua futura moglie, che ho avuto occasione di conoscere al matrimonio di un’amica comune.

Fatto sta che, quando l’ho saputo, mi sono trovata a fare i conti con tutto quello che io non ho fatto nel frattempo. Sono passati sei anni da quando l’ho lasciato. Lui dopo due mesi stava già con lei, ed è arrivato a sposarsela. Io invece ho collezionato solo storie sbagliate, amori non corrisposti, amici di letto che si sono comportati più o meno bene nei miei confronti, cambi di lavoro e di città alla ricerca di qualcosa che ancora non arriva. E in tutto ciò io ancora non sono riuscita a trovare una persona con cui potessi avere davvero voglia di condividere un po’ di intimità. Una persona da far entrare nella mia vita, nelle mie abitudini, nei miei (piccoli) spazi, nelle mie insicurezze.

A 32 anni vivo come avrei potuto vivere a 22, se non fossi stata fidanzata. Solo che, a rigor di logica, oggi dovrei essere più sicura, consapevole, indipendente e realizzata. E invece sono ancora un work in progress. Un casino stratosferico. Un grosso punto di domanda.

Però intanto provo a godermela, nella speranza che prima o poi un po’ di stabilità arrivi anche per me!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...