Quello che le brave ragazze non dicono

Con parole d’altri

Con gli occhi degli altri

Sabato sono stata Verona a vedere la mostra di Tamara De Lempicka. Era l’ultimo weekend e sapevo che mi sarebbe toccata una bella fila fuori dalla biglietteria. Ne ero certa.

Ed effettivamente così è stato. Un giro in centro, due passi per negozi, qualche acquisto veloce, e poi via in fila ad aspettare di entrare per godere di quella che, poi, si è rivelata una delle mostre più belle che io abbia visto.

In fila, proprio dietro di me e della mia amica c’era un signore sui 55, molto british nell’aspetto. Indossava una giacca a quadri e un paio di occhiali blu elettrico, che sui capelli brizzolati davano luogo ad un contrasto quanto mai particolare. Aveva la erre moscia ed era evidentemente molto acculturato. Chiacchierando ci racconta di fare il portiere d’albergo, di essere nato a Pordenone ma di avere girato il mondo grazie al suo lavoro, di avere vissuto a Londra, ad Aberdeen, in America e a Berlino, per poi finire a lavorare sul Lago di Garda. E ci ha detto che, grazie a questo lavoro che lo mette in contatto con persone di ogni tipo, ha imparato bene a leggere le persone. E che a lui bastano 5 secondi per vedere se “l’energia” è la stessa da entrambe le parti, quando si approccia ad una persona nuova.

Poi mi ha guardata e mi ha detto:

Ecco, tu sei una di quelle persone che non si negano, ma rimangono sempre un passo indietro. Potresti sembrare timida ma non lo sei. La tua è solo una difesa. Sei socievole, aperta, parli e ti racconti, ma nel frattempo scruti le persone con lo sguardo di traverso. Le fai parlare ma non nascondi la tua opinione, le studi e cerchi di capire se possono darti qualcosa di positivo. Tu sei tosta ma riflessiva. Ti poni con la gente come a dire “Mi piaci, ma conquistami”…

E ad essere sincera, forse non posso neanche dire che si sia sbagliato di molto…

Mi piaci… ma conquistami.


Farsi scorticare

“Amare.
È come accettare di farsi scorticare sapendo che in qualunque momento l’altra persona può andarsene via con la tua pelle.”

Susan Sontag


“Mi mancherà la tua bocca e tutto quello che c’è intorno”

(Elizabethtown)


Immaginarsi il desiderio

Non ti ho amato per noia, o per solitudine, o per capriccio.

Ti ho amato perché il desiderio di te era più forte di qualsiasi felicità.

E lo sapevo che poi la vita non è abbastanza grande per tenere insieme tutto quello che riesce ad immaginarsi il desiderio.

Baricco –  Oceano Mare


Basta

“In amore c’è una linea sottile che intercorre tra il piacere e il dolore, infatti si dice comunemente che un rapporto senza dolore è un rapporto che non vale la pena di essere vissuto. Per alcuni il dolore implica una crescita, ma come si fa a sapere dove finisce il dolore della crescita e dove inizia il dolore della pena? continuare a percorrere quella linea sottile è da masochisti o da ottimisti? quando si parla di amore come si fa a sapere quand’è che basta?”

Carrie Bradshaw


Il frutto proibito

Avevano deciso che sarebbe stata quella sera.
Avevano preparato tutto nei minimi dettagli.
Lei lo attendeva in casa.
Lui tardava.
“Tutto ok ?”
“Parcheggio e sono da te”
Un breve scambio di sms frettolosi.
Lo avevano fantasticato, usando anche le canzoni da supporto, ma di certo lui non si aspettava una volta aperta la porta di vederla vestita “soltanto del bicchiere”. A dire il vero non ebbe nemmeno il tempo di accorgesene, lei prese la sua testa tra le mani e decisa fece capolino con la sua lingua nella bocca di lui, che da maschio passionale prima le marchiò il collo e poi rispose mordendole le labbra.
In effetti lei era vestita con un asciugamano… Stordito da quella duplice accoglienza lui pronunciò l’unica cosa che mai avrebbe dovuto pronunciare:
” Posso ?”
Lei rise istericamente, aveva superato l’emozione iniziale e ora pronta per giocare le sue carte.
Lui la spogliò e si abbracciarono a lungo.
Le loro bocche si cercavano in maniera confusa e approfondita, i loro corpi tremavano. Lui aveva voglia di lei… Senza spogliarsi, la sdraiò sul
letto e dopo aver accolto con uno splendido sorriso la depilazione intima di lei, richiesta insistemente per mesi, si dedicò anima e soprattutto corpo a leccare con lingua e dita il frutto proibito…

Vestita soltanto del bicchiere…


Ci son bocche da ricordare

Ci son treni che non ripassano
ci son bocche da ricordare
ci son facce che si confondono
e poi ci sei tu…